Lingue

Archivio del sito

Home page - Didattica  - Corsi, programmi, orari
 28-Nov-2006   Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Settore scientifico-disciplinare di Filologia Ugrofinnica (L-LIN/19): orari e programmi dei corsi

Pagina in corso di aggiornamento
(a cura di Beatrice Tottossy, coordinatore dell'area degli studi ugrofinnici nell'Università di Firenze)




ANNO ACCADEMICO 2010/2011
primo e secondo semestre


cfr. anche i Seminari Ugrofinnici

Si ricorda agli studenti che l'Ateneo fiorentino offre l'opportunità a tutti gli iscritti di accedere gratuitamente a molte risorse digitali 
(si vedano in particolare le pagine del Sistema Bibliotecario di Ateneo e il portale della Firenze University Press), 
tra cui Darwinbooks, la biblioteca online della casa editrice Il Mulino di Bologna.

NB. Tutti gli studenti interessati alle discipline ugrofinniche e ai connessi programmi e esami sono pregati di consultare anche 
l'Area riservata agli studenti (vd. nel menu il blocco "Didattica 2010/2011", user e password vanno richiesti alla dottoressa Kapacsy.


B005334 LINGUISTICA UGROFINNICA, 30 ore, 6 cfu
B005335 LINGUISTICA UGROFINNICA, 60 ore, 12 cfu
Titolo del corso: 
Unità linguistica e unità culturale.
Un percorso di studio comparato fra Italia e Ungheria 

Docenti
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-I 
Prof. Giampaolo Salvi, modulo-II, Eötvös Loránd Tudományegyetem (ELTE) di Budapest

Visiting professor
Prof. Eva Lax, Eötvös Loránd Tudományegyetem (ELTE) di Budapest
I due moduli, che si rivolgono atutti gli studenti del corso di laurea magistrale di Lingue e Letterature europee e americane, si inseriscono in particolare nel programma di studio bilaterale italo-ungherese in cui, nell'a.a. 2010/2011, viene data rilevanza ad alcune linee comparative concernenti la formazione dell'unità nazionale nell'ambito linguistico, letterario, artistico e culturale, in Italia e in Ungheria. 
 

Modulo-I, Prof. Tottossy 
Attraverso itinerari di analisi e interpretazione di testi scelti della letteratura ungherese dell'Ottocento vengono illustrate le idee linguistiche dei principali scrittori del periodo del nyelvújítás, nella sostanza un movimento culturale (qui inteso nella sua estensione massima, di circa cento anno a partire dagli anni settanta del Settecento) che ha segnato la nascita dell'ungherese (letterario) moderno. Una particolare attenzione viene data ai testi, argomenti e riflessioni che permettano di tracciare la storia della traduzione. 
Una lezione integrativa della professoressa Eva Lax, docente di Storia della musica e di Letteratura italiana nel Dipartimento di Lingua e Letteratura Italiana dell'Università ELTE di Budapest, viene dedicata alla formazione del linguaggio musicale in Italia e in Ungheria, presentata in  prospettiva comparativa. In rilievo la figura e l'opera di Ferenc Erkel (1810-1893), compositore ungherese, autore della versione musicale dell'inno nazionale dell'Ungheria (1844). 

Bibliografia per il primo modulo
- F. Kazinczy, Levelek (Corrispondenza 1764-1831), a cura di M. Szauder, Szépirodalmi Könyvkiadó, Budapest 1979.
- K. Pap (a cura di), Arany János Magyar irodalomtörténete (La storia letteraria ungherese secondo János Arany, 1817-1882, poeta-docente nella scuola superiore), Franklin, Budapest 1911. 
- A. Bruni, Preliminari alla traduttologia. Il dibattito di fine Settecento e dintorni"Seicento e Settecento: rivista di letteratura italiana", n. 3, 2008. Il testo è reperibile in dipartimento.
- Id., Traduttori dei Traduttori dall'Ottocento al Novecento, "Rassegna europea di letteratura italiana", 1, 1994, pp. 71-88. Il testo è reperibile in dipartimento. 

Modulo-II, Prof. Salvi 
Il modulo, a partire dai volgari italiani nel Medioevo e dalla lingua italiana di Dante, attraverso l'illustrazione della nascita dell'italiano nel Cinquecento, conduce alle idee linguistiche di Manzoni e alla nascita dell'italiano moderno. 

Bibliografia per il secondo modulo
- I testi scelti ed esaminati a lezione dal professor Salvi (NB. Oltre alla pagina iniziale contenente la bibliografia dei testi, su ogni pagina è presente un'icona con la relativa bibliografia.)
Claudio Marazzini, La lingua italiana, il Mulino, Bologna 2010 (1° ed. 1994).
Si chiede di dedicare una particolare attenzione ai seguenti capitoli: DuecentoTrecentoCinquecentoOttocento. (Il testo si può acquistare anche online. Altri testi del professor Marazzini fanno parte della collezione online "Darwinbooks" della casa editrice Il Mulino.)


 
 
 
B005545 LINGUE UGROFINNICHE: LINGUA UNGHERESE 1
Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Letterature Europee e Americane (LM-37), Curriculum di Studi Bilaterali Italo-Ungheresi
 corso attivo solo a Budapest 
 
 
 
 
 
B005327 LETTERATURE UGROFINNICHE 1, 60 ore, 12 cfu
B005550 LETTERATURE UGROFINNICHE: LETTERATURA UNGHERESE 1, 60 ore, 12 cfu
 
Titolo del corso: 
Modernità ungherese 1900-1945
1. Storiografia e interpretazione del testo.
2. Budapest e la sua letteratura 1928-1948 
(Pap, Babits, Füst, Gelléri, Móricz, Molnár, Hevesi, Márai) 

Docenti titolari 
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-I 
Prof. György Tverdota, modulo-II

Visiting Professor 
Prof. Béla Horváth, Università di Pécs
 
Modulo-I: Storiografia e interpretazione del testo, prof. Tottossy
Si illustrano in grandi linee le riflessioni novecentesche concernenti la storiografia letteraria. Le idee storiografiche d'ambito letterario sviluppate nel 'secolo breve' e quelle emerse nel periodo successivo alle vicende del 1989, costituiscono un terreno categoriale particolarmente fertile per lo studio della complessità dei rapporti fra autore, lettore professionale (il critico, lo storiografo, lo scrittore) e lettore mosso dal 'piacere della lettura' (o indotto a una 'lettura eterodiretta'). Le riflessioni sul carattere storico dell'attività letteraria in generale e l'adozione dell'approccio storico all'opera in particolare, permettono di proporre ragionamenti sul senso e il destino, sulla destinazione e la funzione della letteratura. Si forniscono infine suggerimenti e spunti per itinerari di interpretazione del testo che qui sperimentiamo (anche) come occasione di esperienza vissuta in culture letterarie altre.
   
Bibliografia per il primo modulo: 
Per una visione generale e, in particolare, per gli studenti di Letterature ugrofinniche (che sono pregati di concordare con il docente una parte personalizzata del programma da svolgere per l'esame):
-  Lassila, P., Geschichte der finnischen Literatur, Francke, Tubingen 1996. Il volume è presente nell'Opac di Ateneo ed è in deposito in dipartimento.
- Hasselblatt, C., Geschichte der estnischen Literatur: von den Anfängen bis zur Gegenwart, Walter de Gruyter, Berlin - New York 2006. Il volume è presente nell'Opac di Ateneo ed è in deposito in dipartimento. Schedatura della parte contemporanea, in italiano, a cura di Heidi Grenzen, è compresa nella Dispensa di Letteratura e cultura in Estonia.
- Cavaglià, G., Csillaghy, A. et al., Storia della letteratura ungherese, voll. I-II, a cura di B. Ventavoli, Lindau, Torino 2002-2004. Il testo è nell'Opac di Ateneo, copie a disposizione in dipartimento. 

Per lo studio e l'approfondimento degli argomenti del modulo: 
- Benjamin, W., L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica. Arte e società di massa (Das Kunstwerk im Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkeit, 1936), trad. it. di E. Filippini, Einaudi, Torino 1966, 1991 e 1998. Vd. in versione ungherese.
- Babits, M., Az európai irodalom története (1935), a cura di Gy. Belia, illustrazioni di M. Borsos, Szépirodalmi Kiadó, Budapest 1979. Versione pdf. In edizione italiana: Storia della letteratura europea, trad. di M. Masini, Carocci editore, Roma 2004.
- Id., Tanulmány a magyar irodalomról. Francia közönség számára (Saggio sulla letteratura ungherese per il pubblico francese, 1927). In: Babits, M., Esszék, tanulmányok (Saggi e studi), a cura di Gy. Belia, Szépirodalmi Kiadó, Budapest 1978, vol. II.
- Németh G.B., Babits: Az európai irodalom története. Az európaiság eredeti tartalmának tér- és időbeli kiterjesztése (Babits: Storia della letteratura europea. Ampliamento delle coordinate temporali e spaziali del contenuto originario dell'essere-europeo), "Kortárs", 53, n. 9. (settembre 2009). 
- Masini, M., Letteratura europea, letteratura universale e suggestioni irrazionali. Il patrimonio letterario europeo in alcune letture conservatrici, in A. Carli, B. Töttössy, N. Vasta (a cura di), Amant alterna Camenae. Studi linguistici e letterari offerti a Andrea Csillaghy, Edizioni dell'Orso, Alessandria 2000, pp. 397-412.
- Kabdebó, L., Kulcsár Szabó, E. (a cura di), "de nem felelnek, úgy felelnek". A magyar líra a húszas-harmincas évek fordulóján ("ma è nel silenzio la loro risposta". La poesia ungherese fra gli anni Venti e Trenta), Janus Pannonius Egyetemi Kiadó, Pécs 1992. Su un minimo di tre saggi che verranno scelti autonomamente, saranno di lettura per tutti i saggi di G.B. Németh e di Gy. Tverdota.  
- Kabdebó, L., Kulcsár Szabó, E. (a cura di), "Szintézis nélküli évek". Nyelv, elbeszélés és világkép a harmincas évek epikájában ("Anni senza sintesi". Lingua, narrazione e visione del mondo nella prosa degli anni Trenta), Janus Pannonius Egyetemi Kiadó, Pécs 1993. Su un minimo di tre saggi che verranno scelti autonomamente, saranno di lettura per tutti i saggi di G. Angyalosi e di L. Ferenczi.

Modulo-II: Budapest e la sua letteratura 1928-1948. (Pap, Babits, Füst, Gelléri, Móricz, Molnár, Hevesi, Márai), prof. György Tverdota
Lettura preventiva per tutti gli studenti interessati: John Lukacs, Budapest 1900. Kétnyelvű kiadás (edizione bilingue inglese-ungherese), Európa Könyvkiadó, Budapest 2004. (In dipartimento si possono consultare precedenti edizioni monolingue, sia in inglese che in ungherese.)
Il modulo è occasione per percorrere un itinerario di conoscenza e di riflessione trattando i seguenti argomenti: 
1. Bevezetés-I: A hagyományőrző modernség általános jellemzői. / Introduzione-I: Caratteristiche generali della modernità tradizionalista. 
2. Bevezetés-II: Az avantgárd utolsó szakasza. / Introduzione-2: La fase conclusiva dell'avanguardia storica.
3. A Nyugat folyóirat szellemi alapjai a bergsonizmustól az egzisztencializmusig. / I riferimenti culturali della rivista Nyugat (Occidente, 1908-1941) dal bergsonismo all'esistenzialismo.
4. Poésie pure.
5. A Nyugat folyóirat késői korszaka. / Il periodo finale della rivista Nyugat.
6. A korszak reprezentatív ‘nyugatos' alkotói: Babits Mihály, Kosztolányi Dezső, Móricz Zsigmond. / Autori della Nyugat maggiormente rappresentativi dell'epoca della modernità tradizionalista.
7. A korszak reprezentatív ‘nem-nyugatos' irodalmi és kulturális mozgalma: a népi irodalom. / Movimento culturale e corrente letteraria non legati alla rivista Nyugat: la letteratura népi.
8. A korszak reprezentatív ‘nem-nyugatos' alkotói / Autori rappresentativi della modernità tradizionalista sul versante népi, corrente non legata alla rivista Nyugat: Gyula Illyés, László Németh.
9. Olvasói és értelmezői javaslatok. / Proposte di lettura e di interpretazione.
10. Szintézis-kísérlet. / Tentativo di sintesi.

Bibliografia per il secondo modulo:
Testi di studio per gli studenti provenienti da curricula diversi dal Curriculum Studi Bilaterali Italo-Ungheresi: 
-  Lukacs, J., Budapest 1900, kétnyelvű kiadás (edizione bilingue inglese-ungherese), Európa Könyvkiadó, Budapest 2004, pp. 236 (in inglese) / 231 (in ungherese). In dipartimento si possono consultare precedenti edizioni monolingue, sia in inglese che in ungherese.
-  Cavaglià, G., Gli eroi dei miraggi. La parabola del romanzo ungherese dal Millenar alla Repubblica dei Consigli 1896-1919, Cappelli, Bologna 1987., pp. 156.
- Almeno tre romanzi, da scegliere fra le opere dei seguenti autori, tradotte in italiano e reperibili via Opac: Mihály Babits, Renée Erdős (Renata Erdos), Milán Füst, Margit Kaffka, Dezső Kosztolányi, Ferenc Körmendi, Gyula Krúdy, Sándor Márai, Ferenc Molnár, P. Howard (Jenő Rejtő), Magda Szabó, Antal Szerb. 
Testi di studio (in aggiunta ai volumi di Lukacs e Cavaglià precedentemente indicati) per gli Studenti del Curriculum Studi Bilaterali Italo-Ungheresi: 
- Tverdota, Gy., A modernség-fogalom változásai a húszas évek költészetében, in: "de nem felelnek, úgy felelnek". A magyar líra a húszas-harmincas évek fordulóján, JPTE Füzetek, JPE Kiadó, Pécs 1992, 167-174.
- Id., La littérature hongroise dans les années trente et quarante. Cfr. AAVV, Italia e Ungheria 1920-1960, Edizioni Periferia, Roma 1992, 181-190.
- Id., La premiere mort de l'avant-garde hongroise. Cfr. AAVV, Les avant-gardes nationales et internationales, Argumentum, Budapest 1992, 73-78.
- Csaplár, F., Kassák körei, Szépirodalmi, Budapest 1987.
- Tverdota, Gy., Le Bergsonisme dans la littérature hongroise du début du siècle, "Neohelicon", XXVI. 119-130.
- Id., La poésie pure en France et en Hongrie, "Revue d'Études Françaises", 1996, n. 1, 301- 309.
- Id., Irodalom és egzisztencializmus a két világháború között. Cfr. AAVV, Tanulmánykötet Jean Perrot tiszteletére, Bessenyei György Kiadó, Budapest 2000, 155-163.
- Id., Németh Andor és a francia egzisztencializmus, "Literatúra", 2001, nn. 2-3. 309-319. 





B014677 LETTERATURE UGROFINNICHE 1, 60 ore, 12 cfu
B005285 LETTERATURE UGROFINNICHE: LETTERATURA UNGHERESE 1, 60 ore, 12 cfu
B013195 LETTERATURE UGROFINNICHE 1, 30 ore, 6 cfu 
Titolo del corso: 
Modernità 'europeriferica': 
1. Itinerari nella letteratura dell'Estonia, Finlandia e Ungheria del Novecento
2. Prospettive storiografiche e saggi di lettura

Docenti titolari 
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-II

Visiting Professors
Maarja Kangro, scrittrice e traduttrice letteraria (dall'italiano all'estone), Tallinn
Prof. Mihhail Lotman, Università di Tallinn
Prof. Arne Merilai, Università di Tartu
Prof. Ular Ploom, Università di Tallinn  
  
Nel primo semestre il Dott. Amato dedica un primo modulo di 30 ore allo studio della prosa letteraria finlandese del Novecento. A una parte propriamente storica, che affronta lo sviluppo della letteratura finlandese e in particolare della prosa in relazione agli eventi storici politici e sociali attraversati dalla giovane nazione nordica, segue una parte di analisi testuale, che si concentra sull'opera di alcuni autori finlandesi: Aino Kallas, Frans Eemil Sillänpää, Mika Waltari, Väinö Linna, Leena Krohn, Rosa Liksom, Arto Paasilinna, Leena Lander, Tove Jannson, Bo Carpelan, Kari Hotakainen, Sofi Oksanen. Le opere, disponibili in italiano e per quel che concerne i tre romanzi principali di Aino Kallas reperibili in versione online in questa stessa pagina, vengono interpretate secondo le loro specifiche articolazione per epoca, genere, stile e tematiche. 

Bibliografia per il primo modulo
A) Letture di prosa finlandese 
- A. Kallas, La sposa del lupo (Suden morsian, 1928), trad. di P. Faggioli, Sperling e Kupfer, Milano 1934.
- Id., Il pastore di Reigi (Reigin pappi, 1926), trad. di P. Faggioli, Bompiani, Milano 1941.
- Id., Barbara von Tisenhusen (1923) 
- F.E. Sillanpää, Silja (in F.E. Sillanpää, Le opere, Milano 1969).
- V. Linna, Croci in Carelia, Milano 1956.
- S. Oksanen, La purga, trad. N. Rainò, Milano 2010.
Si suggerisce la 'frequentazione' della pagina di Letteratura finlandese in traduzione che Riccardo Marmugi cura e sistematicamente aggiorna. 
B) Bibliografia per lo studio della letteratura finlandese e del suo contesto
- K. Laitinen, La letteratura Finlandese, un breve profilo, Otava, Helsinki 1995.
- E.R. Gummerus, Le letterature della Finlandia, in Le Letterature dei paesi baltici (della Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania), Sansoni-Accademia, Firenze e Milano 1969, pp. 9-203.
- O. Jussila, S. Hentilä, J. Nevakivi, Storia politica della Finlandia (1809-2003), Guerrini, Milano 2004.

Per il primo semestre sono previste alcuni eventi scientifico-culturali quali attività complementari e comunque indispensabili sul piano dell'apprendimento della metodologia degli studi letterari: 
1) per un'ottica ampiamente europea della storia finlandese, il Dott. Massimo Longo Adorno presenta al Seminario Ugrofinnico il suo recente volume, La guerra d'inverno. Finlandia e Unione Sovietica 1939-1940 (Franco Angeli, Milano-Roma 2010); 
2) per un primo approccio al patrimonio documentale italo-ugrofinnico condiviso, il Dott. Amato coordina due visite in biblioteca (Biblioteca RicciardianaBiblioteca Medicea Laurenziana), mentre da parte del Laboratorio editoriale open access vi è la proposta agli studenti dell'Area Ugrofinnica (insieme ad altri studenti del corso di Informatica di II livello: Editoria digitale) la partecipazione al congresso di AIB 2010 che pone l'accento sulla nuova gestione del libro, sia in biblioteca che sul piano editoriale.

Nel primo e secondo semestre - con la collaborazione della Dott. Anne Tamm, nl 2010/2011 co-titolare della disciplina di Lingue ugrofinniche 1 e di Lingue ugrofinniche: lingua ungerese 1, e di Heidi Grenzen, nell'a.a. in corso laureanda in Studi Magistrali di Italianistica presso l'Università di Tallinn e borsista a Firenze -viene organizzato il Seminario Ugrofinnico 2010/2011, Parte I, con tematiche interamente dedicate alla Letteratura Estone (con conferenze e presentazioni di Maarja Kangro, scrittrice e traduttrice letteraria dall'italiano all'estone) e alle prospettive storiche e teoriche (con corsi integrativi dei Proff. Merilai, Lotman e Ploom). Il Seminario è occasione preziosa per entrare in nuovi spazi culturali europei densi di senso: entrando in questi spazi si scoprono, si conoscono e si comprendono analogie e differenze nel vivere la letteratura e i suoi linguaggi, si delineano possibili orizzonti professionali. Si ricorda che Tallinn nel 2011 è una delle capitali d'Europa.

Nel secondo semestre la Prof. Tottossy introduce il tema della storiografia letteraria. Illustra e analizza alcune delle principali riflessioni europee novecentesche, note nel campo e ritenute attuali per una prospettiva ampliata della storia letteraria europea. Propone inoltre quattro lezioni da dedicare a un quesito di grande interesse sia sul piano generale del destino della letteratura, sia su quello delle letterature ugrofinniche: cosa è la letteratura (ugrofinnica)?

Bibliografia per il secondo modulo 
- M. Cornis-Pope, J. Neubauer, Towards a History of the Literary Cultures in East-Central Europe: Theoretical Reflections, American Council of Learned Societies, Acls Occasional Paper, n. 52, 2002.
- M. Cornis-Pope, Writing a Collaborative Literary History of East Central Europe"Recherche Littéraire / Literary Research", vol. 24, nn. 47-48, 2008, pp. 41-45.
- I. Orlich, rec. a Marcel Cornis-Pope and John Neubauer (eds.), History of the Literary Cultures of East-Central Europe: Junctures and Disjunctures in the 19th and 20th centuries. Volume III: The making and remaking of literary institutions, ivi, pp. 51-57.
- Gy. Lukács, Narrare o descrivere? (1936), in Gy. Lukács, Il marxismo e la critica letteraria, trad. di C. Cases, Einaudi, Torino 1964, pp. 269-323. Si suggerisce di leggere anche la connessa corrispondenza fra Lukács e Anna Seghers, ivi, pp. 378-415.
- E. Kukorelly, A kritika nosztalgiái. Kilenc részlet (2001. szeptember 18-23.) / Le nostalgie della critica - Nove dettagli (18-23 settembre 2001), copia di lavoro in versione bilingue. Per l'edizione cartacea in italiano si veda B. Tottossy, a cura di, Letteratura ungherese, in A. Cosentino (a cura di), Cinque letterature oggi. Russa, polacca, serba, ceca, ungherese, Atti del Convegno Internazionale (Udine, novembre-dicembre 2001), Forum, Udine 2002, pp. 435-452.
- Testi d'autore in esame: Ágota Kristóf, Analfabeta (copia di lavoro in versione trilingue), Trilogia; Péter Esterházy, I verbi ausiliari del cuore, Pornografia Ungherese; Sofi Oksanen, La purga, Le vacche di Stalin 
- 'Incontro con l'autore'. Sulle tracce di interviste e colloqui presenti nella Rete: questa parte della bibliografia è da considerare come work in progress, da dedicare per l'appunto alla raccolta, aggregazione e riordino delle informazioni che -navigando nei canali della letteratura in rete - si trovano sugli autori e sulle opere di interesse per il corso. Tutti gli studenti del corso sono invitati a collaborare e condividere... Si annota qui una recente conversazione fra il critico ungherese Márton Benedek e Sofi Oksanen (A részletek rajongója vagyok, Ho la passione per i dettagli). 

  



B014667 LETTERATURE UGROFINNICHE 2, 60 ore, 12 cfu
B014925 LETTERATURE UGROFINNICHE: LETTERATURA UNGHERESE 2, 60 ore, 12 cfu
Titolo del corso: 
Avanguardie e Modernità letterarie lungo il Novecento
Percorsi di confronto e comparazione
Docenti titolari: 
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-I
Prof. Endre Szkárosi, modulo-II, Eötvös Loránd Tudományegyetem (ELTE) di Budapest 

Prof. István Berszán, Università Babes-Bolyai di Cluj-Napoca
Jouni Inkala, poeta, Helsinki
Dott. Antonio Parente, traduttore letterario (dal finlandese e ceco all'italiano), Turku 
Johanna Venho, poetessa, Helsinki
Modulo-I, prof. Tottossy
Si tracciano i lineamenti del pensiero letterario moderno, facendone emergere la dimensione storica e i nessi con la trasformazione della cultura e del valore della tradizione. Vengono individuati e esaminati 
Bibliografia per il primo modulo
Pagine sul Novecento in:
- C. Hasselblatt, Geschichte der estnischen Literatur: von den Anfängen bis zur Gegenwart, Walter de Gruyter, Berlin - New York 2006. Per una versione italiana si veda la Dispensa di Letteratura Estone, a cura di H. Grenzen.
-  P. Lassila, Geschichte der finnischen Literatur, Francke, Tubingen 1996.
- G. Cavaglià, A. Csillaghy et al., Storia della letteratura ungherese, Secondo volume, a cura di B. Ventavoli, Lindau, Torino 2004. 
Saggi e testi d'autore in tema di Modernità: 
- M. Babits, Jónás könyve / Libro di Giona, trad. it. di P. Castruccio (copia di lavoro in versione bilingue). 
- Gy. Tverdota, A modernség-fogalom változásai a húszas évek költészetében, in "de nem felelnek, úgy felelnek". A magyar líra a húszas-harmincas évek fordulóján, JPE Kiadó, JPTE Füzetek, Pécs 1992, pp. 167-174; 
- Id, La littérature hongroise dans les années trente et quarante, in Italia e Ungheria (1920-1960), Edizioni Periferia, Roma 1992, pp. 181-190. 
Bibliografia per il secondo modulo
Egy másik ember. Eszmélkedéstörténeti emlékirat (Un Altro. Storia e ricordi di un risveglio), Orpheusz, Budapest 2011.
Mi az, hogy avantgárd. Írások az avantgárd hagyománytörténetéből (Cos'è l'avanguardia. Scritti sulla storia e la tradizione dell'avanguardia), Magyar Műhely Kiadó, Budapest 2006.
Merülő Monró (Monró in immersione, poesie), Magyar Műhely Kiadó, Budapest 2007.
Legatoria di parole (Hangkötészet), sezione diretta da E. Szkárosi nella rivista online "Spanyolnátha" (L'Influenza spagnola). Nell'ultimo fascicolo sono presenti opere di Katalin Ladik e di Lora-Totino. Si suggeriscono, oltre che le pagine di Ladik e di Lora-Totino, anche quelle dedicate in fascicoli precedeni al Fontana, Aguiar, István Kántor.
Materiale per il seminario di traduzione poetica 
- E. Szkárosi, Maros u. 30 / Via Maros 30
 




B004867 FILOLOGIA UGROFINNICA, 30 ore, 6 cfu
Docente titolare: 
Prof. Ferenc Havas




B004667 / B014483 LINGUE UGROFINNICHE 1, 12 cfu
il corso prevede la frequenza 
del Lettorato di lingua finlandese, dott. Dal Pozzo e/o del Lettorato di lingua ungherese, dott. Kapacsy
 B005284 LINGUE UGROFINNICHE: LINGUA UNGHERESE 1, 12 cfu
con lettorato di lingua ungherese, dott. Kapacsy

Docenti titolari:
Dott. Anne Tamm PhD, modulo-I 
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-II
Lettori:
Dott. Lena Dal Pozzo, lingua finlandese
Dott. Kinga Kapacsy, lingua ungherese 
Bibliografia e materiale di supporto: 
Manzelli, G., Il gruppo baltofinnico (finnico del Baltico); Il gruppo ugrico (l'ungherese), in E. Banfi (a cura di), La formazione dell'Europa linguistica. Le lingue d'Europa tra la fine del I e del II millenio, La Nuova Italia, Scandicci 1993, pp. 498-516 e 531-544. (Il volume è reperibile in dipartimento.)
Tamm, A., Verbs in Hungarian, Finnish and Estonian, dispensa 2010/2011.
Informazioni essenziali sulla lingua e la cultura ungherese:
- Cavaglià, G., Letteratura ungheresein L'Ungheria e l'Europa, a cura di K. Roggero, P. Sárközy, G. Vattimo, Bulzoni, Roma 1996, 269-289. Si tratta di un testo di avviamento agli studi ungheresi. 
- Balázs, J., La lingua e la civiltà ungherese fra l'Oriente e l'Occidente, "Ungheria d'oggi", V, 1965, n. 2, Roma, pp. 25-37.
- Fábián, P., La formazione della lingua nazionale ungherese,  "Ungheria d'oggi", VII, 1967, n. 3, Roma, pp. 30-45.
- Pellegrini, G. B., La lingua ungherese, "II Veltro", XXXVI, 1992, n. 5-6, I tomo, Roma, pp. 305-314.
- Tagliavini C., La lingua ungherese e il problema delle origini dei Magiari, Corvina, XI-XII, 1931-32, voll. 21-24, Budapest, pp. 92-113.
- Tóth, L., Grammatica teorico-pratica della lingua ungherese, Istituto Universitario Orientale di Napoli, Napoli 1974, pp. 10-43, 55-80, 100-139, 149-179. (Il volume è reperibile in dipartimento.)
 
LETTORATO DI LINGUA UNGHERESE I livello
I e II semestre, 23 settimane, 6 ore settimanali
Il corso è rivolto a principianti ed è finalizzato all'acquisizione delle basi del sistema fonologico, morfosintattico e lessicale della lingua ungherese.

Programma

Fonetica: armonia vocalica (opposizione e l'influsso reciproco delle vocali e delle consonanti), ortografia, sillaba, accento, intonazione. Morfologia: verbi (radici, coniugazione, tempo, infinito, prefisso, ausiliari, derivazioni e composti), nomi (radici, declinazione: plurale, possessivo, suffissi; aggettivi e participi, numerali, pronomi, derivazioni e composti), avverbi e posposizioni. Sintassi: predicato (verbale e nominale), soggetto, oggetto (determinato, indeterminato), articoli, ordine delle parole, complementi (casi, reggenze, costrutti posposizionali; sintagmi attributivi: qualità, quantità, apposizione; rapporto di possesso, costrutti infinitivali).
Gli argomenti si affrontano tramite spiegazioni frontali condotte a partire dalla lettura e l'analisi di testi in lingua. Il corso fornisce allo studente le nozioni di base indispensabili per un corretto impiego quotidiano delle espressioni e della fraseologia ungherese essenziale (saluti, presentazioni, interazione). Introduce alla lettura e comprensione di testi semplici.

Verifica delle attività svolte in lettorato
Sono previsti compiti scritti settimanali e una verifica scritta (test e traduzione) a fine semestre.  

Orario - II semestre
Mercoledì, ore 9.45-11.15, au5; 
Giovedì, ore 9.45-11.15, au10/a; 
Venerdì, ore 9.45-11.15, au10/a.


  


B014693 LINGUE UGROFINNICHE 2, 12 cfu
il corso è collegato con il Laboratorio di lingua ungherese, dott. Kapacsy
e il Laboratorio di lingua finlandese, dott. Dal Pozzo
 B005292 LINGUE UGROFINNICHE: LINGUA UNGHERESE 2, 12 cfu
il corso è collegato con il Laboratorio di lingua ungherese, Dott. Kapacsy

Docenti titolari:
Prof. Beatrice Tottossy, modulo-I  
Prof. Katalin Szili, modulo-II

B014647 Laboratorio di lingua finlandese 1, L-11
B014646 / B014655 Laboratorio di lingua finlandese 1 e 2, LM-37
  
Responsabile:
Dott. Lena Dal Pozzo 

B013910 Laboratorio di lingua ungherese 1, L-11
B013910 / B013921 Laboratorio di lingua ungherese 1 e 2, LM-37
Responsabile:
Dott. Kinga Kapacsy 










ARCHIVIO
Anno accademico 2009/2010

Anno accademico 2008/2009 
 
Home page - Didattica  - Corsi, programmi, orari
Marsilius - Motore di ricerca dell'Ateneo Fiorentino - logo
 
- progetto e idea grafica CSIAF - contenuti e gestione a cura del Dipartimento - Responsabile Tecnico del sito