Lingue

Archivio del sito

Home page - Settore Ugrofinnico - Sul Settore: Firenze
 30-Giu-2011   Stampa la pagina corrente   Mostra la posizione di questa pagina nella mappa

Sul Settore: Firenze

 Omaggio a Géza Bakonyi 


  Eső előtt / Prima della pioggia. Foto di Géza Bakonyi, 11 giugno 2006 (da Fotóvilág / Universo foto)

           

              A mindenség oly tisztán és üdén                         
              Csillog, mint harmatcsepp a menny 
              levelén.         
                                                                        
              József Attila, Mint a      
              Tejút                               
                                                                     

 

     Il Tutto brilla terso e fresco 
     come una goccia di rugiada 
     sulla foglia del cielo.

     Attila József, Come la via 
     lattea
(Trad. di Tomaso
     Kemény, A.J., Poesie Scelte,
     Lithos 2005)

Dedichiamo il sito dell'Area ugrofinnica dell'Università di Firenze a Géza Bakonyi (Budapest, 17 settembre 1950 - Szeged, 7 aprile 2007), collega, amico, studioso appassionato e docente generosamente dedicato alla costruzione di una nuova cultura scientifica nell'Università di Szeged fino alla sua morte prematura.

Géza Bakonyi per primo in Ungheria ha collegato studi ungheresi, italianistica, biblioteconomia e informatica umanistica. Il Settore ugrofinnico dell’Ateneo Fiorentino conserverà con gratitudine il ricordo e i frutti della ricca e intensa collaborazione con il professor Bakonyi, a partire dalle sue prime lezioni fiorentine di introduzione all’uso dei cataloghi online e delle biblioteche virtuali, alle proposte di tirocini comunemente elaborate per studenti di Firenze e per dottorandi di Szeged nell’ambito della digitalizzazione, catalogazione e gestione del patrimonio documentario d’interesse italo-ungherese, alle importanti opportunità di lavoro di gruppo, tra cui la costruzione del sito sui Ragazzi di via Pál, fino alla condivisione delle riflessioni sul programma Elleu di apprendimento a distanza della Lingua e cultura italiana comparata con quella ungherese. Nel dicembre 2006 è stato ancora una volta il programma Elleu, oggetto di discussione di un convegno a Roma, a regalarci l’occasione di una lunga passeggiata a Tivoli e un approfondito colloquio circa il progetto del Settore ugrofinnico di realizzare un “Portale BiblioEditoriale italo-ungherese”: speriamo di poterlo dedicare presto alla memoria del professor Bakonyi.

Opere principali di Géza Bakonyi: (con K. Kokas), Bevezetés a könyvtári informatika alapjaiba (Istituzioni di Biblioteconomia informatica), JATEPress, Szeged 2006; (con K. Kokas), Könyvtári integrált rendszerek (Sistemi integrati di biblioteche), MT-System Kft., Budapest  2000; A hálózat használata a nyelv- és irodalomtudomány területén (L'uso della Rete nell'ambito delle scienze linguistiche e letterarie), NIIF, Budapest 1997; (con L. Drótos e K. Kokas), Navigáció a hálózaton: információforrások a számitógépes hálózatokon (Navigare nella Rete: sorgenti di informazione e network), IIFP, Budapest 1994; Realista tájékozódások a 20. századi olasz prózában (Realismo nella prosa italiana del Novecento), JATEPress, Szeged 1991.

Leggi in ungherese - Lásd magyarul

 

*** 

Nell'Università di Firenze gli studi ugrofinnici sono stati introdotti nel 1947, con la fondazione di una Cattedra di Lingua e letteratura ungherese. All'intensa attività di impostazione del Prof. László Pálinkás (Budapest, 1910 - Firenze 1974) - culminata nell'edizione di un Avviamento allo studio della lingua e letteratura ungherese. Bibliografia italiana (Cymba, Napoli 1970) - hanno seguito altre esperienze didattiche di grande rilievo, tra cui, nel 1974-1988, quelle condotte dal Professore e Scrittore Miklós Hubay, nel 2008 celebrato in Italia e in Ungheria per i suoi novant'anni oltre che per la vasta opera di drammaturgia con cui ha consolidato i legami tra il teatro classico, radicato nell'estetica di Aristotele e la modernità passata per le vie di Freud e l'esperienza artistica del socialismo reale ungherese. Nei dieci anni 1988-1998 vi furono le proposte didattiche e scientifiche dei Professori Andrea Csillaghy (Università di Udine) e Danilo Gheno (Università di Padova). Il Prof. Csillaghy ha collegato le iniziative didattico-artistiche realizzate da Miklós Hubay nel campo della traduzione letteraria con una nuova modalità didattica, a sua volta in connessione con ricerche d'impronta psicolinguistica e con ricorso alla multimedialità. Il Prof. Gheno, a lungo docente in Finlandia, ha infine predisposto l'impianto scientifico per un primo dizionario italo-finlandese, oltre ad aver dato importanti contributi nel far conoscere anche in traduzione italiana autori classici della linguistica ungherese e della filologia ugrofinnica, tra cui Zoltán Gombocz (1877-1935) e Péter Hajdú (1923-2002) e nel curare l'edizione italiana di uno dei manuali più diffusi in Europa di  grammatica descrittiva ungherese.  

A partire dal 1998-1999 il Settore ugrofinnico è interamente coinvolto nel cosiddetto Processo di Bologna che, come noto, a partire dal 1999, per iniziativa della Comunità Europea, pone l'obiettivo di costruire un sistema universitario europeo. In questa prospettiva, nel contesto fiorentino, è stato promosso una duplice iniziativa. Per un verso, sulle tracce della lunga tradizione dell'Ateneo di Firenze, nel 2000 è stato proposto un percorso di Studi italo-ungheresi  che, nel 2004, come curriculum autonomo, è diventato parte integrante dell'ordinamento degli studi del corso di laurea triennale in Studi interculturali (classe 11) e del corso di laurea specialistica, biennale, in Studi letterari e culturali internazionali (classe 42S). Per l'altro verso, dal 2001-2002 è stata introdotta la disciplina di Lingua e letteratura finlandese, con il fondamentale contributo quinquennale della Dr.PhD Viola Capková Parente (Università di Praga e Turku) e, dal 2006-2007, con il contributo della Dr.PhD Anne Tamm (Accademia Ungherese delle Scienze, Budapest), è stata avviata la sperimentazione dell'insegnamento di Linguistica comparata ungherese, finlandese, estone (dal 2008-2009 Linguistica ugrofinnica) e, con l'utilizzo della piattaforma e-Learning dell'Ateneo Fiorentino, di un primo seminario di introduzione alla lingua e cultura estone. Con il contributo di due esperti della traduzione letteraria e saggistica, il Dr. Antonio Parente (dal finlandese e ceco verso l'italiano, nel 2005-2006) e il Dr. Nicola Rainò (dal finlandese, ungherese e inglese verso l'italiano, dal 2006-2007), è stato avviato anche una disciplina sperimentale nel campo della traduttologia.

Per una proposta del Settore Ugrofinnico di Firenze, il percorso fiorentino di Studi italo-ungheresi e i percorsi in studi di Italianistica e in studi relativi alla civiltà linguistico-letteraria e culturale ungherese della Eötvös Loránd Todományegyetem di Budapest, nel 2007 sono state avviate le procedure per la realizzazione di un titolo unico congiunto tra le due Università. I rettori delle due Università, il prof. Augusto Marinelli per Firenze e, per Budapest, il prof. Ferenc Hudecz, con la loro firma avvenuta nel luglio 2008, hanno dato via alla convenzione di titolo congiunto (Joint Degree) tra l'Ateneo Fiorentino e la Eötvös Loránd Tudományegyetem di Budapest (referenti: prof. Beatrice Töttössy, Firenze, tottossy@unifi.it; prof. Giampaolo Salvi, Budapest, gps@ludens.elte.hu). Nell'anno accademico 2008-2009 sono aperte  le iscrizioni al corso triennale (BA) del titolo congiunto, mentre dal 2009-2010 partirà anche il curriculum bilaterale a livello magistrale (MA).

 


 

 

 

 

 
Home page - Settore Ugrofinnico - Sul Settore: Firenze
Marsilius - Motore di ricerca dell'Ateneo Fiorentino - logo
 
- progetto e idea grafica CSIAF - contenuti e gestione a cura del Dipartimento - Responsabile Tecnico del sito